Sezione
Metrica

Spiegazione ed esempi

Sinestesia

Figura retorica

· Pubblicato · Aggiornato ·

Definizione:

La sinestesia è la figura retorica di significato che si basa sull’accostamento di due vocaboli che appartengono a sfere sensoriali diverse, es.: “i dorati silenzi” (Dino Campana), dove alla sensazione uditiva (silenzi) viene accostata la sensazione visiva (dorati).


Nella sinestesia, dunque, vi è commistione di ambiti sensoriali diversi nel creare un’immagine in cui sostantivi e aggettivi che appartengono a sfere sensoriali differenti vengono associati tra loro allo scopo di far risaltare un’immagine e conferirle maggiore incisività.


Il termine sinestesia deriva dal greco: syn = insieme, e aisthánomai = percepisco, significa "percezione contemporanea”.


La sinestesia è un tipo particolare di metafora e viene anche chiamata metafora sinestetica.


In poesia la sinestesia è un procedimento utilizzato già in letteratura antica ma che diviene particolarmente importante nell’800 con i poeti simbolisti e nel Novecento tra i poeti dell’area ermetica.


Uso nel linguaggio comune:

Nel linguaggio comune la sinestesia serve per dare origine a immagini vivide e inedite, ad esempio:

  • un colore caldo – sensazione visiva (colore) + sensazione tattile (caldo),
  • una voce chiara - sensazione uditiva (voce) + sensazione visiva (chiara), 
  • una musica dolce - sensazione uditiva (musica) + sensazione gustativa (dolce),
  • un giallo squillante - sensazione visiva (giallo) + sensazione uditiva (squillante).


Esempi letterari di Sinestesia:

Gli esempi tratti da testi e poesie famose sono il modo migliore per comprendere pienamente il significato della sinestesia e quando sia da utilizzare.


"…Esistono profumi freschi come
carni di bimbo, dolci come gli òboi,
e verdi come praterie
…"
(BaudelaireCorrispondenze, Les fleurs du mal, vv.10-13)

Il profumo viene definito mediante termini che fanno riferimento:

  • al tatto (freschi come/carni di bimbo);
  • al gusto (dolci come gli òboi);
  • alla vista (verdi come praterie);

sensazione olfattiva = sensazione tattile + sensazione gustativa + sensazione visiva.


"…Dolcezza si rispecchia ampio e quieto
Il divino del pian silenzio verde
…"
(G. CarducciIl bove, vv.13-14)

sensazione uditiva (silenzio) + sensazione visiva (verde)  


"…va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar
..."
(G. CarducciSan Martino, vv.7-8)

sensazione gustativa (aspro) + sensazione olfattiva (odor)


"…Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra
…"
(G. PascoliLa mia sera, vv.35-36)

sensazione uditiva (voci) + sensazione visiva (tenebra azzurra)


"…Dai calici aperti si esala
l’odore di fragole rosse
…"
(G. PascoliIl gelsomino, vv.9-10)

sensazione olfattiva (odore) + sensazione visiva (fragole rosse)





Versione in PDF

icona pdf




ANALISI TESTI LETTERARI:

disegno di cortigiana con il liuto

"Qual rugiada qual pianto" di Torquato Tasso
parafrasi e analisi del famoso madrigale di Torquato Tasso, poesia d’amore sulla sofferenza provata dal poeta per la separazione dalla donna amata ..."Qual rugiada qual pianto" di Torquato Tasso
[vai alla parafrasi]


Olio su tela di Guercino raffigurante Erminia tra i pastori

"Ermina tra i pastori" di Torquato Tasso
parafrasi e analisi del famoso passo della Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, che descrive la parentesi idilliaca in cui Erminia in fuga trova consolazione immersa in un paesaggio naturale incantato (locus amenus) ... [vai alla parafrasi]


Frontespizio edizione del 1584 de: Orlando Furioso di Ludovico Ariosto

"Proemio Orlando furioso" di Ludovico Ariosto
parafrasi e analisi del Proemio dell’Orlando furioso. L’incipit del primo canto introduce le tematiche fondamentali della vicenda "Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto..."... [vai alla parafrasi]


Angelica e Medoro, dipinto di Simone Peterzano, XVI sec. d.C.

La pazzia di Orlando di Ludovico Ariosto
parafrasi e analisi dell'episodio in cui Orlando scopre la relazione della donna di cui è innamorato, Angelica, la bellissima principessa del Catai, con Medoro, semplice fante dell’armata saracena... [vai alla parafrasi]


Beatrice e Dante - miniatura del sec. XIV

Canto primo del Paradiso vv. 85 - 142 - Dante Alighieri
parafrasi e analisi del primo canto del Paradiso di Dante: Beatrice, con l’atteggiamento di una madre amorevole verso il figlio, dolcemente chiarisce i dubbi di Dante.... [vai alla parafrasi]