Seguici su Instagram Seguici su Twitter Seguici su Pinterest Seguici su Facebook

Spiegazione ed esempi

Climax

Figura retorica di parola

· Pubblicato ·

foto di casa vacanza in Grecia a Santorini
Vedi su Airbnb

Versione in PDF

icona pdf

Definizione:

Il climax (dal greco klímax, "scala"), è la figura retorica di parola, detta anche gradazione (gradatio), che consiste nella disposizione di termini o concetti in modo da ottenere l’effetto di un’intensità progressiva o regressiva, dal più debole al più forte o viceversa dal più forte al più debole, proprio come se si salissero o scendessero delle scale. Nel primo caso è climax ascendente, con cui si vuole aumentare e potenziare, nel secondo caso è climax discendente o anticlimax con cui si vuole smorzare e togliere.

E’ una figura retorica molto utilizzata in letteratura dove risulta particolarmente efficace per conferire effetto di progressione a determinati concetti e potenziarne l’espressività, aumentando così l’intensità e l’enfasi di quanto espresso.



Esempi di Climax:

Da: L. Ariosto, L’Orlando furioso, Ottava 103
Angelica e Medor con cento nodi
legati insieme, e in cento lochi vede.
Quante lettere son, tanti son chiodi
coi quali Amore il cor gli punge e fiede.
Va col pensier cercando in mille modi
non creder quel ch’al suo dispetto crede:
ch’altra angelica sia, creder si sforza,
ch’abbia scritto il suo nome in quella scorza
.
Dai cento nodi all’inizio dell’ottava n. 103 poi si arriva ai mille modi, Ariosto utilizza il climax per trasmettere lo stato d’animo del protagonista, ovvero il crescendo del dramma interiore vissuto da Orlando nel sentirsi tradito da Angelica.

 

Da: Dante, Inferno, III, vv.22-23
"…Quivi sospiri, pianti ed alti guai
risonavan per l’aere sanza stelle,
per ch’io al cominciar ne lagrimai…"
Dante utilizza i tre termini: sospiri, pianti e guai (lamenti), per dare una progressione graduale di intensità crescente della percezione dei gemiti dei dannati dell’Inferno.


Da: G. Parini, La caduta, vv.1-4
Quando Orion dal cielo
declinando imperversa;
e pioggia e nevi e gelo
sopra la terra ottenebrata versa…”
In questi versi Parini mette in ordine crescente di intensità di freddo i termini per descrivere gli effetti dell’influsso di Orione sulla terra

 

Da: G. Leopardi, La sera del dì di festa, v.23
"…e qui per terra mi getto, e grido, e fremo…”
Leopardi utilizza il climax ascendente per trasmettere la sua angoscia esistenziale.

 

Da: G. Pascoli, Il lampo, vv.2-3
“…la terra ansante, livida, in sussulto;
il cielo ingombro, tragico, disfatto
…”
Pascoli utilizza due climax, la prima riferita alla terra e la seconda al cielo, attraverso aggettivi graduati per drammaticità crescente.

Da: G. Pascoli, La mia sera, vv.33-35
"…Don ... Don ... E mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi! sussurrano,
Dormi! bisbigliano, Dormi!
..."
Pascoli in questi versi utilizza un climax discendente, un anticlimax, mettendo in ordine decrescente di intensità i verbi che descrivono l’effetto rasserenante sul suo animo del suono delle campane che lo invogliano al sonno.




ANALISI TESTI LETTERARI: