Seguici su Instagram Seguici su Twitter Seguici su Pinterest Seguici su Facebook

Riassunto e analisi
Iniziazione

Se questo è un uomo - cap.3

Primo Levi

· Pubblicato ·

RIASSUNTO

Levi viene assegnato, dopo vari trasferimenti, al Block 30, ad una cuccetta in cui dorme già un altro prigioniero, Diena, che lo accoglie cordialmente facendogli posto.


Inizia così la vita da deportato per Primo Levi che si trova ad affrontare due problemi fondamentali:

  • il problema della lingua, considerato che il lager è abitato da una babele di persone che parlano lingue diverse e non è facile capirsi. Anche gli ordini e le minacce vengono urlati in lingue sconosciute e per chi non capisce al volo sono botte e punizioni;
  • il problema del cibo che consiste nella distribuzione di una zuppa e del pane, un “sacro blocchetto grigio che sembra gigantesco in mano del tuo vicino, e piccolo da piangere in mano tua”.

La notte di Levi è agitata e abitata da sogni cupi e angosciosi. All’alba le luci si accendono e tutti si agitano, vestendosi frettolosamente e correndo alle latrine e al lavatoio per poter arrivare per primi alla distribuzione della razione quotidiana di pane.


L’igiene nel campo scarseggia. Il lavatoio, decorato da grandi affreschi didascalici che fungono da monito a lavarsi e ad avere cura di sé, è in realtà un luogo immondo e dal cattivo odore, il pavimento è coperto di fanghiglia, dai lavandini scorre un’acqua torbida, maleodorante e non potabile, è praticamente inutile ai fini di una effettiva igiene. Infatti pochi in quelle condizioni mantengono la voglia di pulizia ed anche Levi, dopo solo una settimana di prigionia, considera il lavarsi come un inutile spreco di energia e completamente inefficace.


Nonostante ciò c’è chi insiste a mantenere l’abitudine di lavarsi come Steinlauf, un cinquantenne che Levi incontra un giorno al lavatoio. Steinlauf nonostante l’inutilità dell’azione è intento a strofinarsi vigorosamente senza sapone e con ben scarsi risultati. Egli si rivolge a Levi chiedendogli perché non si voglia lavare e gli ricorda che smettere di aver cura di sé equivale a cominciare a morire ed a fare il gioco del Lager il cui fine è di ridurre l’uomo a bestia. Aver cura della propria igiene, anche se inutile, è un modo per reagire e sopravvivere, sopravvivere per testimoniare e per affermare la propria dignità.



Vedi anche trama e analisi complessiva del testo:



Riassunto capitolo per capitolo

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 »





VEDI ANCHE:

Il fu Mattia Pascal - copertina del libro

Luigi Pirandello: Fu Mattia Pascal
riassunto del capolavoro di Luigi Pirandello sulla crisi di identità dell'uomo contemporaneo, prigioniero della maschera che la società gli attribuisce. Il protagonista muore e rinasce tre volte come Mattia Pascal, Adriano Meis e Fu Mattia Pascal... [vai al riassunto]

Luigi Pirandello - ritratto fotografico

Biografia di Luigi Pirandello:
drammaturgo, scrittore e poeta siciliano, nel 1934 gli viene conferito il Premio Nobel per la letteratura. Luigi Pirandello rivoluziona il teatro del Novecento innovando il racconto teatrale sia come tematiche che come rappresentazionel... [vai al riassunto]

Konrad Lorenz con l'ochetta Martina

Konrad Lorenz: L'ochetta Martina
riassunto e analisi di uno dei più famosi racconti di Konrad Lorenz, famoso etologo, tratto dalla sua opera: L'anello di Re Salomone. L'ochetta selvatica Martina diventa parte della famiglia e identifica Lorenz con la propria mamma...[vai al riassunto]