Sezione
Letteratura
logo atuttarte

Voi che ascoltate in rime sparse il suono

Parafrasi e analisi della poesia

(Canzoniere - Sonetto I)

Francesco Petrarca

· Pubblicato ·

Proemio-epilogo

Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono è la prima lirica del Canzoniere, Petrarca ha voluto assegnarle la funzione di proemio anche se venne composta abbastanza tardi rispetto alle altre liriche della raccolta, probabilmente intorno al 1350 e sicuramente dopo la morte di Laura (1348).
Il motivo per cui Petrarca le assegna una funzione introduttiva risiede nel fatto che racconta il superamento e il rinnegamento dell’errore della passione amorosa, oggetto della raccolta; contiene in sostanza la conclusione ideologica del Canzoniere: l’esperienza amorosa è superata nella prospettiva cristiana che porta al pentimento e alla coscienza della brevità e illusorietà di ciò che è terreno. Si tratta dunque di un proemio che diventa epilogo.


TESTO

PARAFRASI

[1] Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
di quei sospiri ond’io nudriva ’l core
in sul mio primo giovenile errore
quand’era in parte altr’uom da quel ch’i’ sono,

[1] O voi (apostrofe) che ascoltate in [queste] poesie (rimemetonimia) sparse l’espressione (suono - paronomasia con sono e sogno) di quei sospiri [d'amore] (metafora) di cui io (ond’io) nutrivo (metafora) il cuore (core - latinismo) durante (in sul) la mia prima giovanile illusione (errore), quando ero in parte un uomo diverso (altr’uom) da quello che sono [oggi] (era sono - antitesi),

[5] del vario stile in ch’io piango et ragiono
fra le vane speranze e ’l van dolore,
ove sia chi per prova intenda amore,
spero trovar pietà, nonché perdono.

[5] ovunque (ove) vi sia qualcuno che (sia chi) per esperienza (per prova) comprenda (intenda) [l']amore, spero [di] trovare pietà e perdono per lo stile mutevole (vario) in cui io (in ch’io) piango e ragiono, fra le inutili (vane anafora con van) speranze e l’inutile (van) dolore.

[9] Ma ben veggio or sì come al popol tutto
favola fui gran tempo, onde sovente
di me medesmo meco mi vergogno;

[9] Ma ora vedo (veggio - latinismo) bene come (sì come= così) per molto tempo (gran tempo) fui per tutta la gente (popol tutto) oggetto di diceria (favola), per cui (onde) spesso (sovente) mi vergogno con me stesso (di me medesmo meco mi vergogno);

[12] et del mio vaneggiar vergogna è ’l frutto,
e ’l pentersi, e ’l conoscer chiaramente
che quanto piace al mondo è breve sogno.

[12] e (et…e…e - polisindeto) il risultato (’l frutto) del mio vaneggiare è la vergogna e il pentirsi (’l pentersi) e il capire (’l conoscer) chiaramente che tutto ciò che (piace) piace nel (al) mondo è un’illusione (sogno) fugace (breve).


Riassunto

Prima quartina (vv.1-4) – Il poeta si rivolge ai lettori presentando la sua opera poetica come prodotto di una prolungata illusione d’amore, un peccato di gioventù, quando egli era un altro uomo rispetto a ciò che è diventato;
Seconda quartina (vv.5-8) – chiede a coloro che hanno vissuto esperienze amorose di avere pietà per il dolore provato e perdono per le illusioni di cui si è nutrito, materia trattata con varietà di stili (vario stile) in base al mutevole stato d’animo;
Prima terzina (vv.9-11) – consapevole delle chiacchiere e delle dicerie che ha suscitato in passato tra la gente per il suo innamoramento che lo ha reso ridicolo, ora si vergogna di se stesso e della propria illusione amorosa;

Seconda terzina (vv.12-14) –pentito ora capisce perfettamente quanto illusorie siano le passioni terrene.


Analisi del testo della poesia

L’argomento principale su cui si sviluppa il sonetto è una sorta di bilancio della esperienza amorosa del poeta, adesso considerata un errore in quanto illusoria, e di cui egli chiede perdono.
E’ la storia del cambiamento del poeta in un percorso che va:

  • da un amore nutrito per ammissione del poeta da vane speranze e van dolore,
  • al conseguente senso di vergogna per aver subito questa schiavitù amorosa,
  • fino al pentimento e all’affermazione della vanità delle cose mondane.

Nel sonetto si contrappongono pertanto:

  • il passato, passato cortese in cui il poeta è stato completamente assorbito dalla passione,
  • il presente di pentimento in prospettiva cristiana basato su nuovi valori.

Questa opposizione tra passato e presente emerge anche dalla compresenza di:

  • Riferimenti a elementi tradizionali della poesia cortese e stilnovistica, per es.: il coinvolgimento del lettore, il rimando a un pubblico di anime elette capaci di amare (v.7), la terminologia relativa alla materia amorosa (sospiri, core, piango et ragiono, speranze e dolore, amore). Richiami presenti esclusivamente nelle quartine.
  • Riferimenti alla prospettiva cristiana: il richiamo alla conversione, al cambiamento (quand’era in parte altr’uom da quel ch’i’ sono, v.4), il rimando alla vergogna, il motivo dell’illusorietà delle cose terrene (vane speranze e van dolore, v.6), il pentimento (‘l pentersi), la richiesta di perdono.

Questi elementi si scontrano e interferiscono tra loro fino al superamento dei valori cortesi a favore di quelli cristiani nel verso finale in cui il poeta rivela la verità scoperta nel proprio intimo in base alle sue esperienze di vita, della fugacità e caducità della vita terrena, motivo che acquista valore universale.


Struttura della poesia

Il sonetto Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono ha una struttura bipartita:

  • La parte delle due quartine: le due quartine sono unite in un unico ampio periodo, caratterizzate da un anacoluto: la lirica inizia alla seconda persona plurale (Voi ch’ascoltate) per proseguire alla prima persona singolare ([io] spero trovar pietà). Questo artificio retorico serve per dare risalto all’invocazione rivolta dal poeta al lettore con la richiesta di pietà e perdono, inoltre le quartine insistono sul concetto dell’illusione d’amore, il giovenile errore, inteso come smarrimento amoroso.
  • La parte delle due terzine: le due terzine si basano invece sulla disillusione e sul superamento dei valori cortesi a favore di quelli cristiani. Vi è un volgersi del poeta su se stesso, sul pentimento, il senso di vergogna e il nuovo giudizio sull’amore, approfondito e portato a conclusione nell’ultima terzina.

Gli interlocutori del poeta

Con l’apostrofe iniziale (Voi, v.1) Petrarca sembra che voglia rivolgersi ad un pubblico indistinto, all’umanità intera, ma al verso 7 il poeta indica precisamente a chi si rivolge: chi per prova intenda amore, ovvero a coloro che, come il poeta, abbia fatto diretta esperienza d’amore. Sono loro gli interlocutori ideali a cui Petrarca parla e dai quali spera di ottenere pietà e perdono.
Petrarca chiede al suo pubblico di essere perdonato per tre motivi:

  • La vana illusione amorosa che ha caratterizzato la sua vita passata,
  • La varietà dello stile condizionato dal suo stato d’animo ora angosciato, ora felice;
  • La frammentarietà della sua produzione poetica.

Canzoniere

Il Canzoniere è una raccolta di 366 componimenti poetici composti da Petrarca in tutto l’arco della sua esistenza: sonetti, canzoni, sestine, ballate e madrigali.
E’ un’opera in italiano volgare i cui componimenti sono quasi tutti dedicati all’amore per Laura.
Si possono distinguere:

  • Liriche composte quando Laura era ancora in vita;
  • Liriche composte dopo la morte di Laura.

L’amore che viene raccontato nel Canzoniere è un amore infelice, Laura è l’immagine costante di un desiderio che non è possibile colmare.


Tematiche

Il sonetto si basa sulla contrapposizione tra un passato dedicato all’illusione amorosa (giovanile errore) ed il presente di ravvedimento, in cui i valori cortesi sono stati superati a favore di quelli cristiani.


Richiami letterari

  • v.5 piango et ragiono, ricorda Dante, Inferno, l’incontro tra Francesca e il conte Ugolino: Francesca dice: come colui che piange e dice e il conte Ugolino: parlar e lagrimar vedrai insieme;
  • v.7 - ove sia chi per prova intenda amore, chiaro riferimento al sonetto di Dante, Tanto gentile e tanto onesta pare, al v.11: intender no la può chi no la prova.
  • v.10-11 - favola fui gran tempo, onde sovente / di me medesmo meco mi vergogno, desunto da Orazio, Epodi – XI, 7-8: Ohimè quanto sono stato chiacchierato per la città, infatti mi vergogno di così grave danno. Questo concetto è presente anche nella lirica: Solo e pensoso.  
  • v.14 - quanto piace al mondo è breve sogno, rimanda al passo della Bibbia, Ecclesiaste I, 2, sulla vanità delle cose umane – vanitas vanitatum et omnia vanitas (vanità delle vanità! Tutto è vanità).

Analisi metrica

Sonetto di 14 versi endecasillabi, ripartiti in 4 strofe con schema: rima ABBA (rima incrociata) nelle quartine, CDE (rima replicata) nelle terzine.
Ad eccezione dei tre enjambements (vv.1-2, 9-10 e 10-11) ognuno dei versi può rimanere a sé.


Figure retoriche

Approfondimento di alcune figure retoriche:

Allitterazioni sono molto numerose:

  • Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono / di quei sospiri ond’io nudriva, vv.1/2 – in s ri sp;
  • del vario stile in ch’io piango et ragiono / fra le vane speranze e ’l van dolore, / ove sia chi per prova intenda amore, / spero trovar pietà, nonché perdono, vv.5/8 – in va var van;
  • favola fui, v.10 – in f;
  • di me medesmo meco mi vergogno, v.11 – in m;
  • vaneggiar vergogna…, v.12 – in v;
  • conoscer chiaramente / che…, vv.13-14 – in c;

Anastrofe

  • Ma ben veggio or sì come al popol tutto / favola fui gran tempo, vv.9/10;
  • et del mio vaneggiar vergogna è ’l frutto, v.12;
  • che quanto piace al mondo è breve sogno, v.15.

Chiasmo

  • piango et ragiono / fra le vane speranze e ’l van dolore, vv.5/6 – a piango corrisponde dolore e a ragiono corrisponde speranze.

Metonimia

  • …rime…, v.1 - la parte per il tutto, rime per dire poesie, strofe.

Paronomasia

  • … suono…sono…sogno, vv.1, 4 e 14termini con significati diversi ma che si richiamano perché hanno un suono simile.

Polisindeto

  • et del mio vaneggiar vergogna è ’l frutto, / e ’l pentersi, e ’l conoscer chiaramente, vv.12-13 – il polisindeto et…e…e rallenta il discorso e accompagna la lenta chiusa del sonetto.


Versione in PDF

icona pdf






VEDI ANCHE:

Olio su tela di Guercino raffigurante Erminia tra i pastori

"Ermina tra i pastori" di Torquato Tasso

parafrasi e analisi del famoso passo della Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, che descrive la parentesi idilliaca in cui Erminia in fuga trova consolazione immersa in un paesaggio naturale incantato (locus amenus)... [vai alla parafrasi]

Beatrice e Dante - miniatura del sec. XIV

Canto primo del Paradiso vv. 85 - 142 - Dante Alighieri

parafrasi e analisi del primo canto del Paradiso di Dante: Beatrice, con l’atteggiamento di una madre amorevole verso il figlio, dolcemente chiarisce i dubbi di Dante.... [vai alla parafrasi]

Il viaggiatore sopra il mare di nebbia - dipinto di Caspar David Friedrich

Giacomo Leopardi: Dialogo della natura e di un islandese

riassunto della più famosa delle Operette Morali di Giacomo Leopardi incentrata sul rapporto tra uomo e natura ed in cui si delinea per la prima volta l'idea del pessimismo cosmico, disillusa e tragica visione della vita... [vai al riassunto]

Rappresentazione teatrale dell'uomo dal fiore in bicca di Lavia

Luigi Pirandello: L'uomo dal fiore in bocca

riassunto della famosa novella di Luigi Pirandello che mette a fuoco il dramma dell'uomo di fronte alla morte. Il protagonista si interroga sulla vita e sulla morte facendo emergere il tema, caro a Pirandello, dell'incomunicabilità e della relatività del reale... [vai al riassunto]

Il fu Mattia Pascal - copertina del libro

Luigi Pirandello: Fu Mattia Pascal

riassunto del capolavoro di Luigi Pirandello sulla crisi di identità dell'uomo contemporaneo, prigioniero della maschera che la società gli attribuisce. Il protagonista muore e rinasce tre volte come Mattia Pascal, Adriano Meis e Fu Mattia Pascal... [vai al riassunto]

Konrad Lorenz con l'ochetta Martina

Konrad Lorenz: L'ochetta Martina

riassunto e analisi di uno dei più famosi racconti di Konrad Lorenz, famoso etologo, tratto dalla sua opera: L'anello di Re Salomone. L'ochetta selvatica Martina diventa parte della famiglia e identifica Lorenz con la propria mamma...[vai al riassunto]

La figlia di Iorio, quadro a tempera di Francesco Paolo Michetti del 1895

Gabriele D’Annunzio: La figlia di Iorio

riassunto e analisi della tragedia pastorale in versi che racconta la storia di Mila di Codro, figlia del mago Iorio, e il suo amore impossibile per il pastore Aligi, già destinato al matrimonio con Vienda di Giave....[vai al riassunto]