logo atuttarte
Seguici su Instagram Seguici su Twitter Seguici su Pinterest Seguici su Facebook

Parafrasi e analisi della poesia
Ecco mormorar l’onde

(Rime, vv. 1-14)

Torquato Tasso

· Pubblicato ·
Vita dipinto di Giovanni Segantini raffigurante l'alba
Alba in un dipinto di Giovanni Segantini - particolare

Versione in PDF

icona pdf

Ecco l’alba

In questo madrigale, scritto intorno al 1565, Tasso coglie il susseguirsi degli elementi naturali che caratterizzano il sorgere del sole, il nascere di un nuovo giorno, e gli effetti che questi producono, per concludere con l’immagine della donna amata. 


TESTO

PARAFRASI


[1] Ecco mormorar l'onde
[2] e tremolar le fronde
[3] e l'aura mattutina e gli arboscelli,
[4] e sovra i verdi rami i vaghi augelli
[5] cantar soavemente  
[6] e rider l'orïente:
[7] ecco già l'alba appare
[8] e si specchia nel mare,
[9] e rasserena il cielo
[10] e le campagne imperla il dolce gelo,  
[11] e gli alti monti indora.
[12] O bella e vaga Aurora,
[13] l'aura è tua messaggera, e tu de l'aura
[14] ch'ogni arso cor restaura.


Ecco (l’ecco crea il clima di rivelazione) mormorare le onde e oscillare le piante e i ramoscelli nella brezza (aura) mattutina e sopra i rami verdi i leggiadri uccelli cantare soavemente e risplendere all’orizzonte l’oriente (rider l'orïente  - metafora):
ecco (anafora) appare già l’alba e si specchia nel mare e rasserena il cielo [si fa chiaro] e copre di fresca rugiada (imperla il dolce gelometafora per immagine di goccioline di rugiada come perle e sinestesia per dolce/gelo, unione sensazioni gusto+tatto) la campagna e colora d’oro  le cime dei monti.
O bella e dolce Aurora (similitudine – con la donna amata), la brezza (l'aura senhal di ascendenza petrarchesca) annuncia il tuo apparire (è tua messaggera), e tu preannunci la brezza che rinvigorisce (restaura) ogni cuore arido (arso cor  - che brucia per amore).



Riassunto

"Ecco mormorar l’onde" è un madrigale che ha protagonista l’alba, il sorgere del sole, che si preannuncia attraverso la brezza mattutina che increspa le onde e fa tremolare le foglie, attraverso il canto degli uccelli e la luce che appare all’orizzonte illuminando il mare e il cielo e crea un contorno dorato intorno ai monti. Il vento è messaggero dell’alba e l’alba è messaggera della donna.


Analisi del testo

Tasso inizia la sua composizione con l’avverbio "ecco", utilizzato per creare aspettativa, per far presagire che qualcosa di importante stia per succedere. Il precedente letterario di questa scelta è ravvisabile in Dante: “…ed ecco verso noi venir per nave / un vecchio...”-  Canto III Inferno, vv.82-83.
Ecco viene poi ripreso al verso 7 e divide in due il componimento:

  • nei primi 11 versi viene descritta la natura quando sorge il sole, attraverso l’attesa e infine l’apparire dell’alba, in un crescendo di luce.
  • mentre nei 3 versi finali (12-13-14) l’alba viene identificata con la donna amata, attraverso il senhal (aura).

Nel finale, v.13, l'aura è tua messaggera, è ancora Dante l’ispiratore dell’immagine, infatti ai vv.145 e 147 del XXIV canto del Purgatorio: “…e quale, annunziatrice de li albori, / l’aura di maggio movesi e olezza, / tutta impregnata da l’erba e da’ fiori…”.


Dedica alla donna amata

L’ultima parte della lirica "Ecco mormorar l’onde" richiama allusivamente il tema amoroso. Tramite il sehnal, di ascendenza petrarchesca, che fa riecheggiare il nome di Laura (Aurora…l’aura…de l’aura… ristaura), Torquato Tasso evoca la figura della amata e la identifica con la brezza vivificante del mattino: si tratta di Laura Peperara, arpista mantovana di nobile famiglia conosciuta nel 1563 e con la quale Tasso aveva avuto una breve relazione sentimentale.


SENHAL:

La figura del senhal, nella poesia trobadorica, è il nome fittizio dietro al quale si cela la persona, specialmente la donna amata, a cui è dedicata la poesia, senza che il suo vero nome venga mai pronunciato.


Analisi metrica

"Ecco mormorar l’onde" è un madrigale (un genere lirico che poteva essere anche cantato e musicato), composto da 14 versi: 10 settenari e 4 endecasillabi.
E’ in rima baciata, a coppie di versi, secondo lo schema: aaBBccddeEffGg.
Uso dei verbi:

  • L’infinito usato nei primi 6 versi (mormorar, tremolar, cantar, rider) crea un’atmosfera di sospensione e tensione amplificata dal polisindeto/anafora e…e…e…e.
  • Il presente indicativo (appare, si specchia, rasserena, imperla, indora) è utilizzato per rendere l’immagine della personificazione dell’alba che si manifesta in tutta la sua pienezza.

Attraverso le metafore (mormorar delle onde, il rider dell’oriente, l’alba che si specchia nel mare, ecc.) Tasso crea la corrispondenza tra natura e donna che esplicita alla fine del madrigale con l’immagine dell’aura che si identifica con la donna e la donna che si identifica con l’alba.
Le allitterazioni in r e l e le rime interne contribuiscono a conferire continuità al ritmo e ad accrescere la musicalità del componimento.


Madrigale musicato da Monteverdi

Grandi compositori hanno messo in musica molti dei madrigali di Torquato Tasso, tra questi Ecco mormorar l’onde che è stato musicato da Claudio Monteverdi, il quale ha saputo rappresentare con grande maestria gli stati d’animo del poeta riflessi nel paesaggio naturale, facendone uno dei suoi capolavori.





VEDI ANCHE:

Ludovico Ariosto

Biografia di Ludovico Ariosto (1474-1533)
Celebre autore del testo letterario "Orlando furioso". Ariosto è considerato il maggiore poeta italiano dell'epica cavalleresca. Di famiglia aristocratica ma in dissesto finanziario fu costretto per molti anni a lavorare come uomo di corte.... [vai alla biografia]

Copertina libro "Una vita"

Una vita di Italo Svevo
riassunto del primo romanzo dello scrittore triestino Italo Svevo: trama, analisi, personaggi, ambientazione, stile. Focus sulla figura dell'inetto Alfonso Nitti ... [vai al riassunto]

Copertina libro Senilità

Senilità di Italo Svevo
riassunto del secondo romanzo dello scrittore triestino Italo Svevo: trama, analisi, personaggi, ambientazione, stile. Focus sulla figura dell'inetto Emilio Brentani ... [vai al riassunto]

Konrad Lorenz con l'ochetta Martina

Konrad Lorenz: L'ochetta Martina
riassunto e analisi di uno dei più famosi racconti di Konrad Lorenz, famoso etologo, tratto dalla sua opera: L'anello di Re Salomone. L'ochetta selvatica Martina diventa parte della famiglia e identifica Lorenz con la propria mamma...[vai al riassunto]


↑ up