logo atuttarte

Parafrasi e analisi della poesia
Tu m'hai sì piena di dolor la mente

(Sonetto)

Guido Cavalcanti

· Pubblicato ·
Particolare affresco di Castel Roncolo
Particolare affresco di Castel Roncolo

Versione in PDF

icona pdf

L’amore che distrugge di Cavalcanti

Cavalcanti canta l’amore deluso, oggetto di questa sua poesia è infatti l’aspetto angosciante e drammatico dell’amore stilnovistico, l’amore non corrisposto che sconvolge il poeta innamorato e gli fa desiderare la morte.

 


TESTO

PARAFRASI

[1]
Tu m’hai sì piena di dolor la mente,
che l’anima si briga di partire,
e li sospir’ che manda ’l cor dolente
mostrano agli occhi che non può soffrire.

[1] Tu (Tu – la donna amata - apostrofe) mi hai così riempito di dolore la mente che la [mia] anima si dà da fare (si briga) per andarsene (di partire) [da lui], e i sospiri che il [mio] cuore sofferente (dolente) emette (manda) rivelano chiaramente a tutti coloro che mi guardano (agli occhi - sineddoche) che esso ormai non può soffrire oltre.

[5]
Amor, che lo tuo grande valor sente,
dice: “E’ mi duol che ti convien morire
per questa fiera donna, che niente
par che pietate di te voglia udire

[5] Amore (Amor - personificazione), che ben conosce (sente) il tuo grande valore (lo tuo grande valor – il potere della bellezza della donna), dice: “Mi dispiace (mi duol) che tu sia costretto (ti convien) a morire a causa di questa donna crudele (fiera), che non sembra voler provare (voglia udire) neppure un po’ di compassione (pietate) per te”

[9]
I’ vo come colui ch’è fuor di vita,
che pare, a chi lo sguarda, ch’omo sia
fatto di rame o di pietra o di legno,

[9] Mi muovo come colui che è insensibile a tutto (come colui ch’è fuor di vita - similitudine), che sembra, a chi lo osserva (lo sguarda), come un uomo fatto di rame o di pietra o di legno (come una statua),

[12]
che si conduca sol per maestria
e porti ne lo core una ferita
che sia, com’ egli è morto, aperto
segno.

[12] che si muove solo meccanicamente (per maestria) ed ha nel cuore (porti ne lo core) una ferita che è la prova evidente (aperto segno) che egli è morto.



Riassunto

Il poeta si rivolge alla donna amata dicendole che lo ha fatto così tanto soffrire che ormai non desidera altro che morire, e tutti vedono che la sofferenza del suo cuore non può continuare. Lo stesso Amore che conosce il potere che la bellezza della donna esercita sugli uomini, ha compassione di lui e gli dice quanto gli dispiaccia che lui debba soffrire a causa di questa donna che non prova neppure un minimo di pietà per lui. A causa dell’insensibilità della donna egli non riesce più a vivere normalmente ma si sente come un automa, meccanicamente, con una ferita nel cuore che è la prova lampante del suo essere morto.


Analisi del testo della poesia

La poesia “tu m’hai sì piena di dolor la mente” è imperniata su un tono drammatico che dà consistenza e rilievo al dramma amoroso che sconvolge il poeta.
Tre i protagonisti della lirica:

  • La donna amata, apostrofata all’inizio della lirica con il Tu, causa di tutto il dolore e dello sconvolgimento del poeta. Non usare il voi consueto ma rivolgersi all’amata con la seconda persona singolare permette al poeta di rendere più incisiva e appassionata l’apostrofe;
  • Il poeta (I’ v.9) che è la vittima di una passione che lo riduce in uno stato pietoso;
  • Amore (Amor v.5), testimone partecipe della sofferenza amorosa del poeta.

L’amore stilnovista che ingentilisce ed eleva lascia il posto, quando non ricambiato, al dramma della sofferenza e la donna gentile e angelica diventa una donna fiera, cioè crudele ed insensibile.



Analisi metrica

Sonetto, schema: ABAB ABAB CDE CDE.
Il lessico privilegia parole dure e gravi, appartenenti al campo semantico della sofferenza, del dolore e della morte, per contribuire a creare un’atmosfera di tristezza in armonia con il contesto.
Nonostante ciò la lirica mantiene un andamento melodico soave e leggero, tipico dello stilnovismo.


Figure retoriche

Oltre alle figure retoriche indicate nella parafrasi, vi sono:
Paronomasia - per, par (vv. 7 e 8);
Enjambements – vv.3-4, 6-7, 7-8, 10-11, 13-14.






VEDI ANCHE:

Dipinto di Signorini dal titolo Novembre

Giovanni Pascoli: Novembre
parafrasi e analisi di questo famoso testo poetico che trae spunto dall'estate di San Martino, il periodo che comprende quei giorni di Novembre in cui, dopo il primo freddo, la temperatura torna ad essere mite, dando l’illusione di essere in primavera... [vai al riassunto]

Copertina libro "Una vita"

Una vita di Italo Svevo
riassunto del primo romanzo dello scrittore triestino Italo Svevo: trama, analisi, personaggi, ambientazione, stile. Focus sulla figura dell'inetto Alfonso Nitti ... [vai al riassunto]

Copertina libro Senilità

Senilità di Italo Svevo
riassunto del secondo romanzo dello scrittore triestino Italo Svevo: trama, analisi, personaggi, ambientazione, stile. Focus sulla figura dell'inetto Emilio Brentani ... [vai al riassunto]

Konrad Lorenz con l'ochetta Martina

Konrad Lorenz: L'ochetta Martina
riassunto e analisi di uno dei più famosi racconti di Konrad Lorenz, famoso etologo, tratto dalla sua opera: L'anello di Re Salomone. L'ochetta selvatica Martina diventa parte della famiglia e identifica Lorenz con la propria mamma...[vai al riassunto]


↑ up