Sezione
Arte

Annunciazione di Recanati

Lorenzo Lotto

(Olio su tela, 1534 ca, 166x114 cm.)

· Pubblicato · Aggiornato ·
Annunciazione di recanati - Lorenzo Lotto
"Annunciazione" di Lorenzo Lotto
opera custodita nel Museo civico Villa Colloredo Mels

Sintesi

Dipinto: Annunciazione
Artista: Lorenzo Lotto
Periodo: 1534 ca
Dimensioni: 166×114 cm
Tecnica: Olio su tela
Soggetto: Annunciazione
Collezione: Museo civico Villa Colloredo Mels - Recanati (Mc)

ANALISI DIPINTO

L’opera “Annunciazione” di Lorenzo Lotto è stata realizzata per la chiesa di Santa Maria dei Mercanti a Recanati (Marche), da qui il nome di “Annunciazione di Recanati”. Si tratta di un dipinto a olio su tela, databile 1534 circa, firmato "L. Lotus" ed è conservato nel Museo civico Villa Colloredo Mels a Recanati.

 


 

Iconografia dell'opera

L’iconografia dell’Annunciazione di Recanati appare insolita rispetto alla tradizione per il suo approccio al tema sacro molto particolare; a dire la verità sembra una replica polemica all’opera di Tiziano che, come Lotto, aveva realizzato una Annunciazione però seguendo canoni tradizionali.
Diversi elementi determinano l’originalità dell’interpretazione di Lotto:

  • Lo schema pittorico risulta invertito, infatti l’Arcangelo Gabriele tradizionalmente risulta a sinistra mentre la Madonna a destra;
  • La scena è in un interno, una stanza semplice ma con un arredo descritto con minuzia e realistico, tipico nordico (ascendenza fiamminga).
  • La Madonna non è seduta, come nella maggior parte delle raffigurazioni de l’Annunciazione, ma in ginocchio. Appare turbata dall’arrivo dell’angelo tanto è vero che dà le spalle all’angelo, guarda lo spettatore, coinvolgendolo nel suo smarrimento per essere stata  colta di sprovvista nella quiete di casa dall’improvvisa incursione dell’angelo. Lo sguardo è volto all’insù e le mani aperte come a schermirsi.
  • L’Arcangelo annunciante sembra molto materiale, poco spirituale, molto massiccio e crea un’ombra sulla terra, ha i capelli sollevati dal vento, si rivolge a Lei indicando con un gesto il Padreterno
  • Dio che appare sullo sfondo sembra tuffarsi in picchiata sul mondo terreno.

 

Particolari del dipinto

L’interpretazione data da Lorenzo Lotto all’episodio dell’Annunciazione mira a dare immediatezza alla scena, come se fosse un’istantanea che coglie i protagonisti in un determinato momento temporale rivelandone le sensazioni emozionali.
Anche i particolari vogliono contribuire alla sensazione di una realtà molto terrena, di vita quotidiana:

  • c’è il letto a baldacchino,
  • uno scaffale con vari oggetti,
  • un libro sul leggio,
  • la clessidra sullo sgabello,
  • cuffia e scialle bianco appesi.

Un gatto, che al centro della scena appare anch’egli spaventato dall’arrivo dell’Angelo, ha la schiena inarcata, le zampe anteriori alzate e lo sguardo girato in alto verso la Vergine.
La Madonna ha un abito rosso sotto con sopra un’altra veste con le frange, abbigliamento tipico dei costumi popolari dell’epoca ed ha un aspetto modesto, da ragazza di campagna.
Anche Dio indossa una veste rossa che richiama la veste rossa di Maria.
La stanza si apre con un arco a tutto sesto sul porticato, il soffitto è a cassettoni. Al di là troviamo piante ornamentali di un giardino ben curato.
Lotto cerca di teatralizzare la scena e calarla nel presente. Abbassa il piano del pavimento e crea un effetto di instabilità spaziale. Per l’angelo si ispira un po’ a Raffaello, per l’espressività e per il chiaro scuro a Leonardo, per il realismo ai pittori nordici e alle tele di Carpaccio.


Annunciazione di Recanati - dipinto di Lotto - particolare del gatto
particolare del gatto

 

Simbologia

Numerose le simbologie:

  • il motivo del letto definisce infatti la stanza come thalamus Virginis (la camera nuziale della Madonna);
  • il giardino ben delimitato allude all’hortus conclusus, rimanda alla perfezione del Paradiso Terrestre, luogo inviolato e integro che a sua volta rimanda alla verginità di Maria, ed è quindi simbolo della sua purezza;
  • il giglio in mano all’arcangelo è anch’esso simbolo della purezza virginale della Madonna;
  • il gatto spaventato va letto come simbolo del male che fugge;
  • La clessidra indica lo scorrere del tempo e il monito di non sprecarlo per cose futili impiegandolo invece per realizzare cose virtuose;
  • Il colore rosso delle vesti (di Dio e di Maria) si riferisce alla passione e al sacrificio di Gesù (il nascituro).




Versione in PDF

icona pdf




ARTICOLI CORRELATI A LORENZO LOTTO



VEDI ANCHE:

Il Quarto Stato - dipinto di Pellizza da Volpedo

Il Quarto Stato: analisi opera
opera simbolo del proletariato che ha reso famoso Giuseppe Pellizza da Volpedo in tutto il mondo, capolavoro in cui l’artista coniuga realismo, monumentalità e divisionismo... [vai all’analisi del dipinto]


Biografia di Pietro Longhi

Pietro Longhi: breve biografia
pittore veneziano del settecento cronista della quotidiana vita veneziana esaminata con bonaria ironia. Riscuote grande successo in vita e sulla scia di una sorta di moda "longhiana" ebbe uno stuolo di imitatori ... [vai alla biografia]


Il parrucchiere e la dama - dipinto di Pietro Longhi

Pietro Longhi: Il parrucchiere e la dama
esempio di pittura di genere in cui Pietro Longhi coglie un aspetto della vita quotidiana delle dame veneziane di quel tempo e lo interpreta in stile longhiano ... [vai all’analisi del dipinto]


Particolare degli uccelli-uomini del dipinto "Trittico delle delizie" di Bosch

Hieronymus Bosch: Trittico delle delizie
satira pittorica dei peccati degli uomini rappresentati in un trittico con tre ambientazioni: il paradiso terrestre, il giardino delle delizie, ovvero il luogo del peccato e l'inferno... [vai all’analisi del dipinto]


Particolare del viso della ninfa nel dipinto di Correggio "Giove e Io"

Correggio: Giove e Io
tela commissionata da Federico II Gonzaga per le stanze di Palazzo Te, rappresenta la scena sensuale dell'accoppiamento tra Giove, che ha le sembianze di una nube, con la ninfa Io.... [vai all’analisi del dipinto]