Seguici su Instagram
Seguici su Twitter
Seguici su Pinterest

Giove e Io – Antonio Allegri, detto Correggio

(Olio su tela, 1532-33, 163,5x70,5 cm.)

Giove e Io, dipinto del Correggio
Giove e Io: opera custodita nel Kunsthistorisches Museum di Vienna

Fa parte di una serie di tele di carattere mitologico riguardanti gli amori di Giove.
Secondo il mito Giove assumeva forme inconsuete per congiungersi con le sue amanti, in questo quadro, innamorato della ninfa Io, giovane sacerdotessa di Giunone, la seduce e si accoppia con lei sotto forma di nube.
Queste tele con le storie degli “Amori di Giove” (Leda e il cigno, Danae e la pioggia dorata, Ganimede rapito dall’aquila, Io e la nuvola) erano state commissionate da Federico II Gonzaga per le stanze di Palazzo Te, probabilmente per abbellire il suo studiolo e successivamente vennero donate all’imperatore Carlo V d’Asburgo.

Giove e Io - dipinto di Correggio - particolare delle sembianze antropomorfe della nube
particolare delle sembianze antropomorfe della nube
Emerge già la scelta manierista, sia per il soggetto di carattere erotico, sensuale e profano, sia per la scena bizzarra, irreale ed anche per lo stile pittorico:

La parte superiore della tela è riempita con una densa nube mentre nella parte inferiore raffigura Io, rapita dai sensi.
Lo spettatore vede di schiena il nudo della ninfa dalle forme prosperose con un andamento a spirale.
Il grande vaso in primo piano, dal quale sgorga l’acqua limpidissima di un ruscello, allude al padre di Io, il fiume Inaco.

Giove e Io - dipinto di Correggio - particolare del viso della ninfa Io
particolare del viso della ninfa Io
Io viene abbracciata da Giove che ha assunto le forme di una nube dal colore cangiante dal viola al grigio in cui si scorgono vaghe sembianze antropomorfe, c’è un accenno di viso e di braccio.
Il volto di Io esprime passione, coinvolgimento amoroso. La scena della seduzione è ambientata in un bosco ombroso con un’illuminazione rarefatta, c’è un contrasto tra l’incarnato dorato e caldo con il bianco ottico con sfumature grigie del panno su cui Io siede, sapientemente drappeggiato.
L’atmosfera è misteriosa e trasmette languida sensualità. Prevalgono nel complesso tinte fredde, in particolare la nube ha riflessi ora più chiari, ora più scuri come la pietra opale.
Lo stile è raffinato ed elegante.

ALTRE OPERE

↑ up