Sezione
Arte

Le due madri

Giovanni Segantini

(Olio su tela, 1889, 157x280 cm.)

· Pubblicato · Aggiornato ·
Le due madri di Giovanni Segantini
"Le due madri" olio su tela di Segantini
opera custodita nella Galleria d’Arte Moderna di Milano

Sintesi

Dipinto: Le due madri
Artista: Giovanni Segantini
Periodo: 1889
Dimensioni: 157×280 cm
Tecnica: Olio su tela
Soggetto: La maternità
Corrente artistica: Divisionismo
Collezione: Galleria d’Arte Moderna - Milano

ANALISI DIPINTO

"Le due madri", sottotitolo "Effetto di lanterna. Interno di una stalla", è un dipinto di Giovanni Segantini considerato un capolavoro del divisionismo e incentrato sul tema della maternità. E’ un olio su tela di grande intensità emotiva da cui emerge la profonda spiritualità di Segantini.

Giovanni Segantini dipinge "Le due madri" nel 1889 ed espone, con notevole successo, l'opera alla prima Triennale di Brera del 1891.


 

Descrizione del dipinto

Il tema del dipinto “Le due madri” è un’umile scena notturna in una stalla dall’alto valore emblematico.
La scena rappresenta:

  • sulla sinistra un vitellino che dorme acciambellato ai piedi di una mucca che sta mangiando alla mangiatoia e poco distante,
  • sulla destra, vi è una contadina, vestita poveramente e con degli zoccoli ai piedi, seduta su uno sgabello da mungitura a tre gambe con in braccio il proprio bambino in fasce, addormentato e con un braccio che scivola di lato. Il capo della giovane madre è avvolto in un fazzoletto ed è piegato rivolto verso il basso, come se la donna stesse dormendo.
  • Una lanterna posta al centro della stanza illumina la scena di una luce calda e avvolgente, creando giochi di luce e ombra. Della paglia ricopre il pavimento della stalla.

 

Significato dell'opera

Nel dipinto “Le due madriSegantini, partendo da una scena di genere, compie il passaggio ad un’idea universale, l’idea della maternità, a ciò che dà origine alla vita.
Il pittore guarda con tenerezza al mondo dei contadini e attua un paragone tra la mucca con il suo vitello e la contadina seduta con il suo bambino (ritratto della compagna e del figlio), che, come sottolineato dal titolo stesso, sono accomunate nel ruolo di madri.
L’artista vuole far emergere il fatto che l’istinto materno c’è anche negli animali dando una interpretazione della maternità laica, da anticlericale quale egli era, e profondamente spirituale.


 

Luce ed atmosfera

L’effetto di luce, estremamente studiato, è dato da una fonte di luce interna, luce artificiale prodotta da una lanterna che crea una atmosfera cromatica calda e dorata e contribuisce a dare unità di toni e sentimento alla scena. Questa luce di lanterna ispira l’idea di un luogo accogliente. L’atmosfera è intima di sereno riposo e affetto materno e ricorda la natività. La contadina è una sorta di Madonna, simbolo universale dell’origine della vita.
Il punto di vista è molto ravvicinato e le figure sono monumentali. I corpi hanno solidità, volume e plasticità. La giovane contadina e il suo bambino risaltano nella penombra della stalla, illuminati direttamente. Le ombre si riflettono sulle pareti e sul pavimento.
In quest’opera la tecnica divisionista permette a Segantini di rendere la tela molto luminosa.


 

Tecnica divisionista

Nel dipinto “Le due madri” il soggetto e l’ambiente sono tipicamente divisionisti:

  • Il soggetto è divisionista perché rientra tra i soggetti popolari, nel senso che rappresenta i valori che caratterizzano il popolo: il lavoro umile e faticoso, la famiglia, ecc.
  • L’ambiente è divisionista perché la scena è in un luogo come la montagna o la campagna, considerato dai divisionisti un luogo non intaccato dalla logica di mercato che invece contraddistingue la vita di città.

La pennellata di colore puro è minuta e fitta, crea dei filamenti di tinte che contribuiscono a dare luminosità al dipinto. Dominano i toni di colore bruni, ocra chiaro e scuro.





Versione in PDF

icona pdf




ARTICOLI CORRELATI A SEGANTINI



VEDI ANCHE:

Il Quarto Stato - dipinto di Pellizza da Volpedo

Il Quarto Stato: analisi opera
opera simbolo del proletariato che ha reso famoso Giuseppe Pellizza da Volpedo in tutto il mondo, capolavoro in cui l’artista coniuga realismo, monumentalità e divisionismo... [vai all’analisi del dipinto]


Biografia di Pietro Longhi

Pietro Longhi: breve biografia
pittore veneziano del settecento cronista della quotidiana vita veneziana esaminata con bonaria ironia. Riscuote grande successo in vita e sulla scia di una sorta di moda "longhiana" ebbe uno stuolo di imitatori ... [vai alla biografia]


Il parrucchiere e la dama - dipinto di Pietro Longhi

Pietro Longhi: Il parrucchiere e la dama
esempio di pittura di genere in cui Pietro Longhi coglie un aspetto della vita quotidiana delle dame veneziane di quel tempo e lo interpreta in stile longhiano ... [vai all’analisi del dipinto]


Particolare del viso della ninfa nel dipinto di Correggio "Giove e Io"

Correggio: Giove e Io
tela commissionata da Federico II Gonzaga per le stanze di Palazzo Te, rappresenta la scena sensuale dell'accoppiamento tra Giove, che ha le sembianze di una nube, con la ninfa Io.... [vai all’analisi del dipinto]