Sezione
Arte

Confronto tra Perugino e Raffaello, opera:

Lo sposalizio della Vergine

· Pubblicato · Aggiornato ·

ANALISI DIPINTO

Lo Sposalizio della Vergine viene realizzato in anni quasi coincidenti da Raffaello (1504) e da Perugino (1503-4).


Caratteristiche comuni ai due dipinti:

La forma della tavola per entrambe è verticale e semicircolare nella parte superiore (tavola centinata).
Le due opere a livello scenografico seguono il modello della Consegna delle chiavi nella Sistina, affresco del Perugino.
Viene descritto l’episodio evangelico in cui il sacerdote celebrante tiene le mani dei due coniugi che si scambiano gli anelli.
I personaggi sono allineati in primo piano e dietro di loro si estende la piazza pavimentata, semivuota, costruita con prospettiva centrale.
Sullo sfondo un tempio di pianta centrale ed un paesaggio all’orizzonte.
Le figure hanno eleganti anatomie allungate con ovali perfetti dai lineamenti dolci, i volti un po’ piegati di lato, rese con un disegno dalle linee morbide.
In entrambi i dipinti vi è il personaggio che spezza il bastone, secondo l’episodio narrato nei vangeli apocrifi riguardo alla scelta dello sposo di Maria, (uomo con le calze rosse).
I due quadri tuttavia sono profondamente diversi.




Scheda differenze tra Perugino e Raffaello


PERUGINO

RAFFAELLO

Sposalizio della Vergine - dipinto di Perugino
Lo sposalizio della Vergine, 1504
Olio su tavola di legno
174 x 121 cm.
Milano Pinacoteca di Brera


Sposalizio della Vergine - dipinto di Raffaello
Lo sposalizio della Vergine, 1499/1504
Tempera ed olio su tavola di legno
236 x 186 cm.
Caen Museé des Beaux-arts

Le figure

Le figure, per quanto aggraziate, appaiono rigide e statiche, come manichini stereotipati, fermi in fila uno dietro l’altro.

Le figure

Raffaello inverte la posizione dei personaggi e degli sposi. Le figure, in cui si riconosce l’ascendenza peruginesca, si presentano in posizioni più naturali, in posizione arcuata e più dinamiche, conseguenza della pratica acquisita da Raffaello attraverso lo studio dei modelli dal vero.

Punto di fuga

Il punto di fuga prospettico è più basso e dà all’osservatore una visione corrispondente all’altezza degli occhi dei personaggi.


Punto di fuga

Il punto di fuga prospettico si alza rispetto a Perugino, dando all’osservatore una visione dall’alto della scena.


Il tempio

Il tempio è ottogonale con 4 protiri, simbolo  della continuità fra l’antichità e la chiesa Cristiana.
La cupola è parzialmente visibile, perché tagliata dalla tonda.


Il tempio

Il tempio è tutto visibile, compresa la cupola, è a pianta circolare, circondato da un deambulatorio con un porticato.


Fondale scenico

Il tempio massiccio e statico chiude lo spazio come un fondale scenico, una quinta teatrale.

Fondale scenico

Il tempio non rappresenta un fondale ma è inglobato nello spazio è un vero e proprio edificio.


La scena

Il quadro di Perugino è un quadro convenzionale, la scena si presenta più semplice e schematica e il tempio rappresenta solo uno sfondo del dipinto.

In questo modo tra la fila orizzontale dei personaggi in primo piano e il tempio sullo sfondo c’è una netta frattura che rompe l’unità strutturale della scena.

La scena

Ciò che cambia è l’impaginazione della scena, che in Raffaello è più complessa, in cui il tempio è il fulcro unificatore della composizione.

A Raffaello interessa l’unità strutturale della scena ed emerge l’influenza della cultura matematico-prospettica tipica di Urbino e del modello di Piero della Francesca. La prospettiva risulta più armonica e accentuata.


La luce

La luce è più fredda, lunare, tendente all’azzurro.

La luce

La luce è calda e dorata.








Versione in PDF

icona pdf






VEDI ANCHE:

Il Quarto Stato - dipinto di Pellizza da Volpedo

Il Quarto Stato: analisi opera
opera simbolo del proletariato che ha reso famoso Giuseppe Pellizza da Volpedo in tutto il mondo, capolavoro in cui l’artista coniuga realismo, monumentalità e divisionismo... [vai all’analisi del dipinto]


Biografia di Pietro Longhi

Pietro Longhi: breve biografia
pittore veneziano del settecento cronista della quotidiana vita veneziana esaminata con bonaria ironia. Riscuote grande successo in vita e sulla scia di una sorta di moda "longhiana" ebbe uno stuolo di imitatori ... [vai alla biografia]


Il parrucchiere e la dama - dipinto di Pietro Longhi

Pietro Longhi: Il parrucchiere e la dama
esempio di pittura di genere in cui Pietro Longhi coglie un aspetto della vita quotidiana delle dame veneziane di quel tempo e lo interpreta in stile longhiano ... [vai all’analisi del dipinto]


Particolare del viso della ninfa nel dipinto di Correggio "Giove e Io"

Correggio: Giove e Io
tela commissionata da Federico II Gonzaga per le stanze di Palazzo Te, rappresenta la scena sensuale dell'accoppiamento tra Giove, che ha le sembianze di una nube, con la ninfa Io.... [vai all’analisi del dipinto]